Home > Vita di Club > ACI mette in moto la sicurezza stradale

ACI mette in moto la sicurezza stradale

05.06.2017



Un’intera giornata dedicata alla guida sicura e all’educazione stradale, dove protagonisti indiscussi sono stati i ragazzi, guidatori di domani.
Si è svolta lo scorso sabato 8 aprile la giornata Ready2Go sulla sicurezza stradale, organizzata dalla delegazione ACI di Figline Valdarno, con il contributo dell’autoscuola Baricchi, in collaborazione con il Lions Club Masaccio Valdarno, l’Istituto Vasari ed il patrocinio del Comune di Figline e Incisa.
L’evento è stato articolato in due momenti distinti: il primo, dedicato unicamente agli studenti del Vasari, è stato realizzato all’interno dei locali dell’Istituto, dove i ragazzi hanno preso parte a due ore di lezione teorica sulla sicurezza stradale, curate da un formatore ACI.
Successivamente, in piazza della Libertà a Figline Valdarno, studenti e non solo hanno potuto cimentarsi nei test pratici di guida sicura.
Le prove, aperte a tutti, sono state realizzate tramite l’ausilio di un simulatore di guida, con occhiali 3D, che consentiva di ricreare gli effetti causati dall’assunzione di alcol e droghe.
Presenti anche due vetture per effettuare test su strada, in condizioni particolarmente impegnative, come fondo bagnato e
scivoloso.
"Siamo sempre ben felici di organizzare iniziative di questo tipo. - ha commentato il presidente dell’Automobile Club Firenze, Massimo Ruffilli - La sicurezza stradale è un tema che sta particolarmente a cuore all’ACI, in particolare l’educazione alla sicurezza stradale è centrale per la nostra attività. Vogliamo orientare i giovani verso un sempre maggior impegno alla guida sicura, contrastando la distrazione che è la prima causa di incidenti stradali. Infine, tra gli obiettivi che abbiamo, c’è quello di realizzare un autodromo, tipo quello di Vallelunga, dedicato alla guida sicura: una struttura all’avanguardia, che al momento la Toscana non ha".

Intervista a Sergio Baricchi, responsabile della delegazione ACI di Figline Valdarno


Qual è stato il motivo che vi ha spinto ad organizzare una giornata dedicata alla sicurezza stradale?


La nostra autoscuola, come tutte quelle ACI aderenti al circuito Ready2Go, non prevede un approccio standard all’educazione stradale, ma molto più dinamico.
Iniziative come quella organizzata lo scorso 8 aprile
rientrano quindi, a pieno titolo, nei programmi di
Ready2Go, che al classico insegnamento affianca prove sul campo, con formatori esperti, oppure l’utilizzo di avanzati simulatori virtuali, che hanno lo scopo di ricreare le condizioni di guida su strada.
Siamo fermamente convinti di questa metodologia di insegnamento e anche i ragazzi dimostrano di apprezzare iniziative come quella organizzata a Figline.

Quali sono le iniziative che la delegazione ACI di Figline Valdarno mette in campo a favore dei più giovani?
Come ACI siamo sempre attivi nell’organizzazione di giornate formative e di sensibilizzazione.
Non è la prima volta, infatti, che organizziamo una giornata come quella dello scorso 8 aprile. Siamo un interlocutore importante per le istituzioni del territorio, soprattutto sulle questioni relative alla mobilità ed alla sicurezza stradale.
Per questo motivo organizziamo spesso iniziative di sensibilizzazione ed educazione, dedicate ai più giovani, coinvolgendo le scuole e gli studenti del territorio, che rappresentano gli automobilisti del futuro.

Il presidente dell’ACI Firenze, Massimo Ruffilli, ha parlato recentemente della possibilità di realizzare un autodromo, sul modello di Vallelunga, dedicato interamente all’educazione stradale. Lei cosa ne pensa?
Penso che sarebbe molto utile ed importante, per tutto il territorio toscano, che finalmente potrebbe contare su una struttura all’avanguardia dove poter organizzare iniziative di educazione stradale, sia didattiche che sul campo, sia prove di esami pratici, per le varie patenti di guida.