Vai direttamente ai contenuti

Home > Vita di Club > Il BARGELLO E L’ARTE DEL RINASCIMENTO

Il BARGELLO E L’ARTE DEL RINASCIMENTO

15.03.2017


Se Firenze è considerata la culla del Rinascimento, esistono luoghi che più di altri rappresentano il simbolo di questo grande periodo storico. Uno fra tutti è il Museo del Bargello, situato nel centro storico del capoluogo toscano, che riunisce molte importanti sculture del Rinascimento, inclusi capolavori di Donatello, Luca della Robbia, Verrocchio, Michelangelo e Cellini, ed alcune opere di artisti minori di vari periodi. Grazie all’Automobile Club Firenze, i Soci ACI avranno la possibilità di ammirare i capolavori del Museo, nel corso di una serie di visite guidate riservate, nel mese di maggio. Il Museo del Bargello può vantare tra le sue collezioni splendidi bronzi, maioliche, cere, smalti, medaglie, arazzi e tessuti,provenienti dalle collezioni dei Medici e di privati. Non si rischia certo di esagerare se si afferma che il Bargello sta alla scultura come gli Uffizi alla pittura. Basta mettere piede nel magnifico ingresso del palazzo, che subito si notano le bellissime decorazioni araldiche alle pareti, con gli scudi dei Podestà risalenti al XIII e XIV secolo. Appena si sale, la prima sala nella quale ci si trova ospita capolavori di Michelangelo, come il Bacco (1470) e l’Apollo (1530), oltre ad opere del Giambologna, Cellini, Ammannati e Sansovino, che fece una sua versione del Bacco in competizione proprio con Michelangelo.
La prima sala sulla destra, una volta Salone del Consiglio Generale, è adesso detta la Sala di Donatello e contiene molte opere dell’ artista, tra le quali il San Giorgio (1416), realizzata per la nicchia di Orsanmichele, il giovane San Giovanni, il David in marmo (1408) e il David in bronzo (1430), il primo elegante nudo del Rinascimento. Il Museo ospita anche una collezione di lavori in oro e smalti, realizzati tra il Medioevo ed il XVI secolo, così come sigilli e vari oggetti in metallo, rare sculture in avorio dai tempi antichi fino al XV secolo, sculture di terracotta invetriata di Giovanni e Andrea della Robbia, busti del Verrocchio, sculture di Mino da Fiesole e del Pollaiolo e oggetti militari dal Medioevo al XVII secolo. Il museo presenta inoltre bellissimi arazzi nella Sala della Torre e lavori di artisti come Pisanello, Cellini, Michelozzo e altri.
Un percorso espositivo che lascerà i Soci senza fiato, accompagnandoli alla scoperta di opere d’arte e simboli del Rinascimento, che solo un museo come il Bargello può offrire.
Sarà possibile prenotare le visite guidate contattando la segreteria dell’Automobile Club Firenze ai numeri 055.2486244/249 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30), a partire dal 27 marzo, fino ad esaurimento posti.