Vai direttamente ai contenuti

Home > Sport automobilistico > Manifestazioni sportive > Coppa della Consuma 2016

Coppa della Consuma 2016

Emozioni e incognite hanno caratterizzato la 52esima edizione della Coppa della Consuma, vinta dal 29enne abruzzese della Bologna Squadra Corse, Stefano di Fulvio.
Quella del 2016 è stata un’edizione a due facce per la quarta gara di Campionato Italiano Velocità Auto Storiche. Se una temperatura quasi estiva ha caratterizzato le prove del sabato, pioggia battente e nebbia a tratti si sono abbattute la domenica.
Stefano Di Fulvio, su Osella PA 9/90 BMW da 2500 cc, è stato autore della migliore prestazione, interpretando al meglio lo scorrevole quanto insidioso percorso che si snoda su 8430 metri della strada che unisce la località Diacceto di Pelago alla Consuma. 4’30.88 il crono che è valso la testa della ipotetica assoluta e del quarto raggruppamento. A guastare la festa in casa Bologna Squadra Corse, la mancata partenza del fratello di Stefano, Simone. Sul secondo gradino del podio è arrivato invece il senese Uberto Bonucci, a bordo della Osella PA 9/90, che ha pagato oltre 30’’, probabilmente anche a causa del traffico sul percorso. A completare il terzetto dell’ipotetica assoluta, il vincitore del terzo raggruppamento, il pistoiese Alessio Pacini sulla fiammante X19 della Classe Silhouette 1600 per i colori del Team Italia.
Sempre in terzo raggruppamento bene, nonostante qualche incertezza alla guida che ha emozionato il pubblico, è andato Giuseppe Gallusi, driver di Reggio Emilia che sulla Porsche 911 SC ha primeggiato in Classe GTS oltre 2500.
A completare il terzetto di testa del terzo raggruppamento Lorenzo Locchi su Wolksvagen Golf GTI di Classe TC 1600.
Nel quarto raggruppamento tra Turismo, successo per l’aretino di Bibbiena Roberto Brenti sulla sempre performante Renault 5 GT Turbo della Etruria.
Nel primo raggruppamento si è distinto invece il romagnolo e combattivo Alessandro Rinolfi, a bordo della sua Mini Cooper S 1275. Primo tra le GT oltre 2000 si è piazzato l’esperto Vittorio Mandelli.
A completare il terzetto di primo raggruppamento il toscano Tiberio Nocentini sulla agile Chevron B19, con motore Cosworth, primo di Classe BC 2000. Il secondo raggruppamento ha visto invece primeggiare l’ottimo driver di Reggio Emilia, Fosco Zambelli all’esordio su una gara bagnata con la sua Alfa Romeo GTAM, che ha conquistato la testa di Classe TC 2000 nonostante qualche problema di carburazione ed il lunotto appannato causa pioggia.
Ildebrando Motti e il fiorentino di Cerbaia Vincenzo Rossi primi tra le Porsche Carrera RS di Classe GTS oltre i 2500. Tra le monoposto la vittoria è andata ad Alessandro Trentini, su Dallara F3 386 di Classe E5.